Fragole: gli antiossidanti dell’estate per la salute del cuore

0
1197
fragole

Le fragole sono un gustosissimo frutto che colora le nostre tavole estive: ma pochi ne conoscono le preziose virtù, soprattutto per il cuore. Vediamole insieme.

Ci pensano le fragole a colorare di rosso le nostre tavole, a fine pasto, nella macedonia, come gelato, con o senza panna. Sono povere di calorie, ma ricche di proprietà nutritive: contengono potassio, calcio, fosforo, vitamina C e molti antiossidanti che permettono di colorare anche la nostra salute. Diuretiche, astringenti, depurative e toniche sono solo alcuni dei numerosi benefici di questi frutti.

Cuore

Gli antiossidanti sono gli alleati del cuore. In particolare, le antocianine proteggono dagli attacchi cardiaci. Mangiare una buona quantità di fragole aiuta anche a ridurre la omocisteina, uno dei fattori che incide sul rischio cardiovascolare. Queste sostanze contribuiscono, inoltre, a ridurre la pressione. Fibre e potassio, aiutano, poi a contrastare le ischemie cardiache.

Stipsi

Le fragole sono costituite dal 90% di acqua e da molte fibre: oltre a ridurre il senso di sazietà, questi frutti aiutano a mantenere una buona regolarità intestinale e a prevenire la stitichezza.

Allergia

La quercitina è un antinfiammatorio utile per attenuare i sintomi delle allergie.

Antirughe e anticellulite

Cinque fragole contengono la stessa quantità di vitamina C contenuta in un’arancia: questa vitamina favorisce l’assorbimento del ferro oltre che l’assorbimento di collagene, la proteina che previene le rughe e la cellulite.

Sbiancano i denti

Questi frutti contengono xilitolo, sostanza che aiuta a prevenire la formazione della placca dentale.

Gravidanza

Contengono una buona dose di acido folico: questo acido garantisce un corretto sviluppo del feto e aiuta a prevenire i difetti del tubo neurale.

Umore

L’acido folico favorisce il mantenimento della memoriacontrasta la depressione riducendo i livelli di omocisteina: se questi sono troppo elevati contrasta con la produzione degli ormoni del buonumore, ovvero serotonina, dopamina e norepinefrina.