Cibi antistress: cosa mangiare per combattere lo stress da rientro

0
1197
cibi antistress

Dopo le vacanze, il ritorno alla solita quotidianità è un vero trauma fisico e psichico. Ma grazie ai cibi antistress possiamo affrontare tutto con serenità.

Il ritorno dalle vacanze è un periodo di vero e proprio stress: il fisico deve mettersi in riga e tornare alla forma splendente con diete e sport, mentre la mente è pressata dal ritorno alla routine lavorativa ed ai mille impegni familiari. Ma si può affrontare tutto con calma grazie ad una corretta alimentazione con i cibi antistress, quegli alimenti che ci aiutano a combattere insonnia, mal di testa, perdita di concentrazione e calo di energia. Ecco i cibi antistress che vi consigliamo.

Uva rossa

L’uva rossa è il frutto settembrino ideale per affrontare i cambi di stagione e gli sbalzi d’umore annessi. Grazie alla presenza di melatonina e vitamina B, l’uva rossa stimola il rilassamento e regola i cicli di sonno-veglia combattendo l’insonnia.

Mandorle

Le mandorle sono ricche di magnesio: mangiarne una manciata di prima mattina aiuta ad iniziare la giornata carichi di energia combattendo la stanchezza fisica e mentale.

Cioccolato

Il cioccolato, si sa, è buono ma grazie alla serotonina, lormone del buonumore possiamo affrontare la giornata con un sorriso stampato in volto. Ad eccezione che si tratti di cioccolato fondente! Inoltre, l’alto contenuto di flavonoidi favorisce l’apprendimento e la concentrazione. Ottimo, quindi, per mantenersi attivi per tutta la giornata.

Banana

Ottima come spuntino, la banana favorisce il buonumore grazie ai suoi preziosi componenti: la vitamina B, rilassa i nervi, il triptofano, che arrivato nell’organismo viene trasformato in serotonina, il potassio contrasta i radicali liberi prevenendo i danni al cervello.

Tè nero

Bere tè nero combatte ansia e nervosismo aiutando a rilassarsi grazie ai principi in esso contenuti che inibiscono il rilascio del cortisolo, l’ormone dello stress per eccellenza. Secondo gli studi, andrebbe bevuto 4 volte al giorno per 6 settimane. Evitate, invece, di bere troppi caffè in quando aumenta il cortisolo.

Pesce grasso

Arricchire i nostri pranzi di pesce come salmone e tonno: gli Omega 3 tengono sotto controllo il cortisolo e l’adrenalina e favoriscono la produzione di serotonina.