Scabbia: come prevenire e curare questa malattia contagiosa

0
881
scabbia

La scabbia è una malattia sempre più diffusa anche nei Paesi industrializzati: ecco le cause, i sintomi e i rimedi naturali per curarla ed evitare contagi.

Sempre più di frequente sentiamo parlare di casi di scabbia, l’ultimo a Rovigo. Esattamente di cosa si tratta? Comunemente si pensa che si contragga in luoghi con scarsa igiene e che sia molto contagiosa. Dato il crescente numero di casi, è bene informarci meglio sulla natura di questa malattia e sui possibili rimedi naturali.

Cause

La scabbia è una malattia della pelle causata da un acaro chiamato Sarcoptes scabiei hominis: il parassita non sopravvive più di 36 ore e se in questo lasso di tempo si viene a contatto con qualcuno, la dermatite è contagiosa. Colpisce persone di ogni età e sesso e si presenta in particolare in ambienti caratterizzati da scarsa igiene, ma può diffondersi rapidamente anche in ambienti affollati come le scuole.

Sintomi

Se non presa immediatamente in cura, la scabbia può provocare ulteriori infezioni: gli acari femmina, infatti, scavano delle gallerie sotto la cute dove vi depongono le uova che emettono sostante irritanti. Dopo 3/4 giorni queste si schiudono dando vita a piccole larve che a loro volta risalgono in superficie aprendo nuove gallerie sottopelle, ben visibili come una sorta di strisce di colore più chiaro.

La scabbia genera un intenso prurito molto fastidioso soprattutto di notte quando il calore delle coperte aumenta l’attività del parassita. Oltre al prurito, sulla pelle si formano strati squamosi, bolle, piaghe e macchie con sintomi dolorosi.

In stadio avanzato della malattia i sintomi più comuni sono: tachicardia, pressione bassa, febbre, difficoltà respiratorie, dolore diffuso su tutto il corpo.

Prevenzione

Per evitare il contagio bisogna seguire dei particolari accorgimenti:

  • lavarsi frequentemente le mani
  • non utilizzare gli abiti di chi ha la scabbia
  • non avere contatti fisici con il malato
  • disinfettare l’abitazione, coperte, cuscini e lenzuola in particolare

Rimedi

Per ridurre il contagio, questa malattia deve essere trattata il prima possibile. Un confronto con un dermatologo è sicuramente consigliato. Ma esistono anche dei rimedi naturali efficaci a cui poter ricorrere nell’immediato contro il dolore e il prurito.

Aloe vera

L’aloe vera lenisce il prurito e il dolore grazie alle sue proprietà lenitive a antibatteriche e aiuta a cicatrizzare le ferite e la pelle danneggiata togliendo l’infiammazione.

Lavanda

Da utilizzare come olio essenziale o come pomata, la lavanda lenisce i fastidi alla pelle.

Olio di melaleuca

L’olio di maleleuca è disponibile in olio essenziale, contiene sostanze antisettiche, antibatteriche e antinfiammatorie: allevia i sintomi eliminando i parassiti.

Olio di extravergine di oliva e miele

Un composto di olio d’oliva e miele aiuta ad eliminare le infezioni oltre che ad ammorbidire la cute secca e coperta di squame. Un prodotto già pronto con questi ingredienti e consigliato dai dermatologi è la SuperCrema.

Olio di Neem

Spalmando l’olio di Neem sulle piaghe si riescono ad uccidere gli acari con azione antinfiammatoria.

Aceto bianco

L’aceto contiene sostanze antibatteriche, ideale per le infiammazioni della pelle e nel caso della scabbia, contribuisce ad eliminare gli acari.

Aglio

E’ un ottimo antibatterico: si consiglia di schiacciarlo e massaggiarlo sulle postule.

Iscriviti alla Newsletter per non perdere i prossimi articoli