Vitamina D: gli alimenti per proteggere le ossa nelle stagioni fredde

0
1890
vitamina d

Fonte preziosa di vitamina D è il sole, ma ora che le temperature non sono gradevoli bisogna affidarci all’alimentazione per mantenere la salute delle nostre ossa.

La vitamina D è un costituente fondamentale per la salute delle ossa, spesso carente nel nostro organismo, tuttalpiù nelle stagioni fredde, quando le basse temperature non invitano per nulla a stare fuori all’aria aperta e godere dei benefici del sole.

Proprietà della vitamina D

Assorbe il calcio, forma le ossa, determina la forza muscolare e ci aiuta a mantenere l’equilibrio: queste le importanti funzioni della vitamina D. A ciò bisogna aggiungere i risultati di un recente studio secondo i quali le donne carenti di tale vitamina hanno il 43% di probabilità in più di sviluppare la sclerosi multipla.

Come assorbirla

Viene principalmente assorbita dal nostro corpo attraverso l’esposizione ai raggi solari. Se possiamo approfittare delle vacanze per goderci qualche ora di sole in più, nella stagione fredda e colma di impegni diventa sempre più difficile trovare il tempo per preoccuparci delle nostre ossa. Tuttavia è importante avere sempre con noi una buona dose di questa vitamina, dato che ci aiuta anche a prevenire le immancabili influenze invernali. Ecco, perciò, che urge ricorrere a metodi alternativi come mangiare i pochi alimenti che ne contengono una quantità significativa. Vediamoli insieme.

Cosa mangiare

Pesce grasso

Pesci grassi come salmoni, sgombri, aringhe, tonni sono ottime fonti di vitamina D meglio se freschi.

Uova

Un’altra buona fonte sono i tuorli delle uova, in particolare di galline allevate all’esterno o nutrite con mangimi ricchi di vitamina D.

Funghi

Come gli esseri umani anche i funghi, quelli selvatici, sintetizzano questa vitamina dall’esposizione alla luce solare, anche se trattasi di vitamina D2 non così efficace come la vitamina D3.

Latte e derivati

Ridotte quantità di questa vitamina si possono trovare anche nel latte, nei formaggi e nel burro.

Per i vegetariani e gli intolleranti

Intolleranti al lattosio e vegetariani possono ricorrere agli alimenti fortificati di vitamina D come il latte di soia, il succo d’arancia, i cereali e l’avena.

Iscriviti alla Newsletter per non perdere i prossimi articoli