Mani screpolate: i rimedi naturali contro screpolature e arrossamenti

0
575
mani screpolate

Le mani screpolate e arrossate sono il primo sintomo visibile del freddo: ecco alcuni semplici rimedi naturali per rimediare.

Manca ancora un mese all’inizio ufficiale dell’inverno, ma il freddo di queste sere sta già mettendo a dura prova le nostre mani: iniziano già a presentarsi i primi segni di screpolatura e arrossamenti. Se indossare un bel paio caldo di guanti ci può sembrare ancora prematuro per evitare mani screpolate, è bene iniziare a prenderci cura delle nostre mani sin da subito per evitare fastidiosi e dolorosi, e magari sanguinanti, tagliettini da screpolatura. Vediamo alcuni rimedi naturali per proteggere la nostra cute e non avere mani screpolate e arrossate.

Detergenti delicati

Prima di uscire al freddo, occupiamoci del lavaggio delle nostre mani con un buon detergente. Assolutamente da evitare i prodotti chimici che aggrediscono la cute magari già sensibile. Preferire saponette vegetali o saponi liquidi neutri privi di profumi, meglio se oleosi, per evitare ulteriori bruciori ai tagliettini comparsi sulla pelle. Sebbene lavare spesso le mani possa essere considerato un fattore igienico e salutare, il contatto frequente con l’acqua può seccare facilmente le mani. Meglio limitarci e se siamo fissati con la pulizia portiamo piuttosto con noi un buon gel igienizzante ad azione antisettica che non necessita il risciacquamento delle mani sotto l’acqua.

Idratazione

Dopo il lavaggio, le mani vanno idratate con apposite creme. La glicerina è ideale per la protezione della cute, ma per rimediare a screpolature e arrossamenti viene consigliato il burro di karitè: 100% naturale ammorbidisce le mani creando anche una barriera protettiva contro il vento.

Rimedio alternativo al burro sono gli oli: di cocco, di mandorle dolci, di oliva. Perfetta è la SuperCrema, l’olio cremoso, mix di olio extravergine di oliva e miele biologico: ideale per le pelli secche, rende la cute più resistente, elastica e la protegge da vento e freddo.

 

Iscriviti alla Newsletter per non perdere i prossimi articoli